Mirco Feltracco Psicologo

Psicologo sociale e Psicoterapeuta a orientamento gestaltico Psicologo sociale e psicoterapeuta a orientamento gestaltico.

Laureato a Padova e specializzato a Livorno presso la scuola direttamente sostenuta e pensata dal candidato premio nobel Claudio Naranjo. Lo studio teorico si è centrato nei tre cardini della psicoterapia gestaltica, il qui ed ora, la consapevolezza e la responsabilità che si sono integrati con contenuti clinici per lo studio della personalità, il DSM e l’Enneagramma. Ha perfezionati da esperienze

27/05/2024

Generazione Z ed Essere se stessi

Per la Generazione Z, essere se stessi è spesso un valore centrale e un obiettivo importante. Questa generazione, composta da individui nati approssimativamente tra la metà degli anni '90 e la metà degli anni 2000, è cresciuta in un'era caratterizzata dalla diversità, dall'accesso illimitato alle informazioni e dalla possibilità di connettersi con persone di tutto il mondo attraverso i social media e altre piattaforme digitali.
Essere se stessi per la Generazione Z significa esprimere la propria autenticità in un mondo in cui le differenze sono celebrate e la diversità è valorizzata. Essi sono spesso più inclini a rompere con le norme sociali tradizionali e a sfidare gli stereotipi di genere, razza, sessualità e altro, cercando di creare spazi inclusivi e accoglienti per tutte le persone.

Piccolo problema: veramente i nostri giovani sanno quello che vogliono? Noto la difficoltà nel seguire i propri ideali, nell’agire senza sensi di colpa, condizionamenti, paranoie, credenze sul proprio stato emotivo.
Il senso di libertà è presente in questi giovani
Ed è vero anche che è presente molta confusione!

20/05/2024

La capacità di osservare gli altri e se stessi è fondamentale per lo sviluppo personale e per il miglioramento delle relazioni interpersonali. Essa implica una consapevolezza e una comprensione profonda di sé stessi e degli altri, così come una capacità di percepire e interpretare i comportamenti, le emozioni e le esigenze delle persone intorno a noi.
Osservare gli altri richiede empatia, la capacità di mettersi nei panni degli altri e comprendere le loro prospettive, emozioni e esperienze. Questo può essere sviluppato attraverso la pratica dell'ascolto attivo, osservando non solo ciò che le persone dicono, ma anche il loro linguaggio del corpo, le espressioni facciali e altre forme di comunicazione non verbale.

Osservare se stessi implica auto-riflessione e auto-consapevolezza. Significa essere in grado di esaminare le proprie emozioni, pensieri e comportamenti in modo obiettivo, senza giudizio o auto-critica e con un sincero desiderio di comprendere se stessi più profondamente.

Sviluppare la capacità di osservare gli altri e se stessi può portare a una maggiore consapevolezza emotiva, una migliore comprensione delle dinamiche relazionali e una maggiore capacità di comunicazione e di gestione dei conflitti. Inoltre, può favorire lo sviluppo di relazioni più autentiche e soddisfacenti, basate sulla comprensione reciproca e sulla condivisione di esperienze e sentimenti.

13/05/2024

Presenza interiore
La "presenza interiore" si riferisce a uno stato mentale in cui una persona è profondamente consapevole di se stessa e del momento presente. È una sensazione di essere pienamente immersi nell'esperienza del momento presente, senza essere distratti da pensieri o preoccupazioni riguardanti il passato o il futuro. Quando si è in uno stato di presenza interiore, si è in sintonia con le proprie emozioni, sensazioni fisiche e pensieri, senza giudizio o analisi critica.

Presenza non è sentire
Presenza non è pensare
Presenza non è fare

Presenza è stare con le proprie dimensioni e registrare momento dopo momento ciò che il nostro comunica. Permette la connessione interna, permette di semplificare i nostri comportamenti, permette di fare ciò che piace e sentire libertà da vincoli, ruoli, principi, morali.

Presenza significa amare se stessi, rispettarsi, porre i propri confini, lasciare libere le persone accanto a te, amare tutto ciò che il corpo ci comunica.

11/05/2024

Claudio Naranjo ♥️

https://www.facebook.com/share/RUUHpkaFQHk74P5p/

06/05/2024

La Tristezza
Per prima cosa è un’emozione e come tale non ha una definizione completa ed esaustiva.
Per alcuni, può essere un sentimento intenso e pervasivo, mentre per altri può essere più sottile e transitorio.
Di base è l’emozione legata al “Perdere”, un oggetto, un luogo, una persona. È l’emozione meno bella, meno entusiasmante, ma nello stesso momento molto intensa e molto carica di significato. Permetterci di viverla aiuta a raccogliere ciò che di buono è stato fatto, sedimentare il passato e prendere nel presente ciò che ci nutre veramente
Per questo la Tristezza non è un’emozione negativa. La Tristezza è elegante, è potente, è amorevole, ci invita a prenderci cura del passato e mettere nel presente tutta l’energia che ci serve per andare avanti.

01/04/2024

PNRR - Supporto Psicologico
Sono all'interno del progetto del PNRR svolgo l'attività di Supporto Psicologico all'Istituto Giordani Striano di Napoli.

Breve descrizione del supporto psicologico del PNRR:
L'obiettivo principale di questo supporto psicologico all'interno del PNRR è quello di promuovere la resilienza degli studenti, aiutandoli a sviluppare competenze di coping efficaci per affrontare lo stress, l'ansia e altre difficoltà psicologiche. Inoltre, mira a fornire loro un ambiente di apprendimento più sano e sostenitivo, che favorisca il loro successo accademico e personale.

La pratica di supporto psicologico che svolgo mi ha fatto notare questi aspetti: la presenza di ragazzi che non hanno avuto durante la pandemia l'allenamento al metodo di studio, un senso di ingiustizia profonda e radicata per l'Istituzione Scuola, la presenza della "Noia" all'interno della giornate, corpo docenti molto attento ad usare la punizione per "motivare" l'alunno, conflitti tra docenti (conflitti raccontati dagli alunni stessi),...
Potrei andare avanti ancora per molti temi!
Il supporto è bene che vengo fatto dagli studenti, ma il corpo insegnanti cosa può ricevere di buono? A loro chi ci pensa? Umberto Galimberti in un intervista presso "La Torre di Babele" dichiara dell'imoportanza di vedere insegnanti Empatici, non solo che riescano a superare il concorso per esser docenti.

Ci stiamo dimenticando della salute e del benessere mentale degli insegnanti! Hanno molto da ricevere

26/03/2024

Dott.ssa Federica Minetto organizza il ciclo di incontro "PRATICHE DI AUTENTICITÀ"

Respiro Conformismo Confine Contatto

👇👇👇

25/03/2024

Conflitti nella Relazione
I conflitti nelle relazioni sono inevitabili e possono manifestarsi in varie forme, dalle dispute minori alle divergenze più profonde. Questi conflitti possono derivare da differenze di opinioni, valori, avvengono durante cambiamenti personali e/o professionali, scarca comunicazione dei bisogni. I conflitti, che se alla base sono semplici (ad es. come sisitemare lo spazzolino in bagno) innescano aggressività, perdita di fiducia, chiusura, freddezza relazionale, accuse, giudizi, proiezioni, stati d'animo di abbandono o di apatia. Sono innumerevoli le conseguenze, la base resta una divergenza iniziale!

Un buon canale può essere la comunicazione aperta e onesta, ma non sempre l'apertura comunicativa è sufficente per affrontare questi problemi e trovare soluzioni.

In psicoterapia si lavoro per partire dalle base motivazionali, basi esistenziali per favorire una maggiore consapevolezza dei propri meccanismi caratteriali, con lo scopo di evitare i comportamenti distruttivi (soprattutto verbalemente) verso il partner; si porta ad osservando il dolore, la ferita e poter innescare una comunicazione autentica, rivolta al porprio bisogno interiore, coinvolgendo il partner, cercando nell'altra persona un supporto funzionale e costruttivo.

Saper chiedere aiuto, saper definire dei confini, reggere un consiglio, comunicare una propria difficoltà
Questo porta ad Amare se stessi e Amare l'altro così come l'altro si presenta!

18/03/2024

Generazione Z - Ansia - Socialità
Sono i giovani della Generazione Z (nati tra il 1997 e il 2012,) e accusano forti sintomi di sconforto, ansia generalizzata e mancanza di visione di futuro.
Il nuovo report mondiale condotto dalla società GWI di ricerche di mercato globali su oltre 900.000 persone descrive una nuova forma di ansia non più da prestazione ma generalizzata e identitaria della Generazione Z in Italia a la mancanza di ruoli genitoriali o adulti di riferimento in grado di far vedere ai ragazzi il futuro.

Vivono incertezza concreta sul futuro, in un contesto socio-economico incerto, sentono pressioni riguardanti l'istruzione, l'occupazione e l'accesso a risorse finanziarie limitate, vivono la cultura della competizione accademica e professionale! E infatti 3 ragazzi su 10 manifestano sintomatologie ansiose (percentuale più alta rispetto a tutte le fasce d'età).

Il quadro generale va in questa direzione. Il canale di uscita è da una parte avere degli adulti autorevoli, empatici, capaci di ascoltare e di reggere le fragilità dei giovani; dall'altra il supporto psicoterapeutico è fondamentale per garantire ai giovani di aprirsi alla consapevolezza di ciò che vivono, trovare le risorse interne per reggere le pressioni, sostenerli nel loro pensiero e nelle emozioni, e soprattutto dare struttura alle proprie relazioni sociali e garantirsi una definizione del proprio ruolo sociale nella comunità.

Educazione, Psicoterapia, Socialità

26/02/2024

Empatia, interocezione, relazioni interpersonali

Tre concetti legati fra loro:

1. Empatia: Si riferisce alla capacità di comprendere e condividere i sentimenti e le esperienze degli altri. L'empatia coinvolge la capacità di mettersi nei panni degli altri, di percepire le loro emozioni e di rispondere in modo appropriato e compassionevole.
2. Interocezione: Si riferisce alla consapevolezza e alla percezione delle sensazioni interne del corpo, come battito cardiaco, respiro, fame, sete, tensione muscolare e così via. Un alto livello di interocezione è associato a una maggiore consapevolezza emotiva e a una migliore regolazione emotiva, poiché consente alle persone di riconoscere e comprendere meglio le loro emozioni e i loro stati fisici.

L'interazione tra empatia e interocezione è cruciale nelle relazioni interpersonali e nella regolazione emotiva. Una buona interocezione può favorire la comprensione e l'empatia verso gli altri, poiché una maggiore consapevolezza delle proprie sensazioni interne può facilitare la comprensione delle esperienze altrui.
Allo stesso tempo, l'empatia può aiutare a sviluppare una migliore interocezione, poiché essere attenti e sensibili alle emozioni degli altri può aumentare la consapevolezza delle proprie sensazioni interne.

Tutto questo ci dice che il corpo, l’ascolto, l’osservazione interna è fondamentale per migliorare la nostra vita e le interazioni sociali che abbiamo

24/02/2024

Presente!
Supervisione fondamentale per lavorare
Supervisione parte dal lavoro sulle proprie difficoltà, sul proprio sentire, sulle proprie fissazioni e vedere come queste hanno reso difficile la relazione terapeutica con il proprio paziente

https://www.facebook.com/share/PMWYErs7r8mc8rPN/

Sabato 9 MARZO 2024 dalle 9,30 alle 13,30
TORNANO GLI INCONTRI online PER PSICOTERAPEUTI che rilasciano 50 CREDITI ECM (per il programma completo www.cgvclaudionaranjo.it)
Queste le Grandi aree tematiche trattate nel Training:
La domanda di terapia. La capacità di stare nel vuoto. L’arte della confrontazione. La self-disclosure. Guidare o lasciare liberi. La dipendenza e il distacco, Drop out e conclusione della terapia. L’importanza di una visione propria del tema proposto dal paziente. L’idea del cambiamento e della trasformazione. Il fallimento terapeutico. Onnipotenza e impotenza. Tollerare la frustrazione. L’intuizione, la noia e la creatività del terapeuta. Il bambino ferito del terapeuta. I segnali di pericolo e la coscienza dei propri limiti. Intimità, distanza, ritmo e silenzio. La capacità di vedere le risorse dell’altro. Il narcisismo del terapeuta. Le zone cieche del terapeuta. Il potere nella psicoterapia. Il genere e la psicoterapia. La solitudine del terapeuta. Abitare la distanza. Le domande generative. La richiesta di supervisione. La relazione in supervisione. Le aspettative del supervisore. La terapia centrata sul terapeuta.
CALENDARIO DEGLI INCONTRI
09/03 – 04/05 – 22/06 – 13/07 - 21/09 – 09/11 – 14/12

Photos from Scuola SAT Claudio Naranjo's post 21/02/2024

👇👇👇

19/02/2024

Regolazione emotiva

Lavorare sui pensieri per regolare gli stati d’ansia, le ossessioni, le paure, la rabbia e la tristezza è basato su tecniche come la Mindfulnees, l’Auto compassione, la Distrazione, la Rivalutazione emotiva.
Ciò che è emerso recentemente dagli studi sul corpo, di neurosciente e neuropsicologia, è l’importanza del corpo nel gestire gli stati emotivi. Infatti, la Regolazione Emotiva è influenzata dall'interocezione.
Essere consapevoli delle sensazioni corporee può fornire feedback sullo stato emotivo attuale e aiutare nella regolazione delle emozioni. Ad esempio, se riconosciamo che il nostro cuore sta battendo velocemente durante una situazione stressante, possiamo utilizzare tecniche di respirazione o di rilassamento per calmare la nostra risposta emotiva.

La Scienza ci invita ad ascoltarci di più e includere il corpo per rendere efficaci gli strumenti che tutt’ora si utilizzano.

12/02/2024

Interocezione

Dal 2010 le ricerche scientifiche si sono orientate verso l’analisi del’Interocezione, costrutto che descrive la capacità di percepire le sensazioni interne del corpo. L’interocezione riguarda le sensazioni fisiche (battico cardiaco, respirazione, sensazioni gastrointestinali), le sensazioni legate alle emozioni (stati di felicità, tristezza, rabbia, paura), il legame tra sensibilità del corpo ed emozioni collegate.

Il primo focus che voglio darti è tra Sensazione del corpo e Consapevolezza emotiva: il grado in cui noi siamo sensibili alle sensazioni fisiche del corpo è connessa con la consapevolezza emotiva, cioè la nostra capacità di riconoscere, comprendere e rispondere alle nostre emozioni.
Inoltre, più siamo consapevoli, maggiore è la capacità di riconoscere quando siamo ansiosi, eccitati, stanchi, tristi, arrabbiati, impauriti, e questo avviene quando noi riusciamo a fermarci, ascoltare il nosto corpo e il nostro stato d’animo.

Forse è poco? Sapere come stiamo ci permette di adeguare il nostro comportamento in base a ciò di cui abbiamo bisogno. E sapere ciò che desideriamo e abbiamo bisogno è fondamentale in ogni momento della giornata.

05/02/2024

Procastinazine e Trauma

Le ricerche dal 2023 hanno evidenziato un possibile collegamento della procrastinazione con il trauma psicologico. Gli studi evidenziano come il cervello cerchi modi per evitare stress o dolore associato a determinati compiti.
Il trauma quindi può compromettere la motivazione e la fiducia in se stessi, generando la tendenza a procrastinare.

La psicoterapia è fondamentale per osservare al meglio queste dinamiche, vedere quali trigger e quali schemi di comportamento si effettuano (evitamento, distrazione, sonno, ...)
Osservato dal punto di vista emotiva la procastinazione attiva uno stato di umore basso simile alla depressione.

Quindi riuscire a comprendere ciò che viviamo è importante per vivere le nostre sfide quotidiane con energia e motivazione.

09/01/2024

📸 Guarda questo post su Facebook
https://www.facebook.com/share/7BMP277b9GDLhp5D/

“𝙸𝚕 𝚟𝚎𝚛𝚘 𝚟𝚒𝚊𝚐𝚐𝚒𝚘 𝚍𝚒 𝚜𝚌𝚘𝚙𝚎𝚛𝚝𝚊 𝚗𝚘𝚗 𝚌𝚘𝚗𝚜𝚒𝚜𝚝𝚎 𝚗𝚎𝚕 𝚌𝚎𝚛𝚌𝚊𝚛𝚎 𝚗𝚞𝚘𝚟𝚎 𝚝𝚎𝚛𝚛𝚎, 𝚖𝚊 𝚗𝚎𝚕𝚕’𝚊𝚟𝚎𝚛𝚎 𝚗𝚞𝚘𝚟𝚒 𝚘𝚌𝚌𝚑𝚒” 𝙼𝚊𝚛𝚌𝚎𝚕 𝙿𝚛𝚘𝚞𝚜𝚝
Carissimi sono aperte le iscrizioni al corso residenziale "In Viaggio", un workshop riservato ai giovani dai 18 ai 23 anni che si realizzerà nel Borgo di Titignano!
“In Viaggio” nasce dal desiderio di offrire l'opportunità di “incontrarsi”, creando uno spazio di condivisione laddove la difesa e la paura cercano di allontanarci da noi stessi
L’evento è propedeutico al primo livello del Percorso SAT ideato da Claudio Naranjo
🌐https://www.satclaudionaranjo.it/news/in-viaggio-2024/
📧Informazioni e iscrizioni: [email protected]

29/12/2023

Elaborare il lutto

E' un tema intenso, difficile, emozionante! Elaborare le perdite, che siano di oggetti, luoghi o persone, è una pratica di espressività ricca di sensazioni, pensieri ed emozioni.
Non si raggiunge l'elaborazione con le semplici capacità di coping
Nel lutto c'è il ricordo: il ricordo nella nostra mente è elaborato da tutte le parti del cervello (antico e recente), è registrato nel corpo attraverso le sensazioni, ha definito le connessioni neurali e le sinapsi. Tutto quello che abbiamo fatto esperienza ci definisce, anche ciò abbiamo perso!

E' per questo che l'elaborazione delle perdite è importante: in psicoterapia è un processo attivo di accettazione e integrazione della perdita. Si concentra sul vivere pienamente il dolore e l'assenza, permettendo emozioni senza reprimerle. Attraverso l'esplorazione delle sensazioni presenti e il supporto nell'esprimere il dolore, si porta il paziente ad integrare la perdita nell'esperienza complessa della vita, facilitando un adattamento sano e una crescita personale.

25/12/2023

Cara Amico e compagno di viaggio,
Sono il tuo Corpo,
e desidero dirti quanto
Ti amo profondamente.

Ogni giorno, lavoro instancabilmente per te, consentendoti di vivere esperienze meravigliose. Amo ogni parte di te, dai tuoi occhi che guardano il mondo alle tue mani che creano, alle tue gambe che ti portano avanti. Attraverso la gioia e le sfide, sarò sempre qui per te.

Amami, prenditi cura di me e continueremo questo straordinario viaggio insieme.
Con amore, Il tuo corpo

20/12/2023

Accettazione

Nella rabbia, nella frustrazione, nel nervosismo, nella tristezza, nell'apatia, nella mancanza, ...
Tra queste emozioni e il pensiero c'è un legame forte: appena l'emozione passa, la mente e i pensieri si sostituiscono e mantengono alta l'energia per mantenere lo stato d'animo precedente. E' qui che si inseriscono i pensieri ossessivi, le fissazioni, le convinzioni, le rigidità.

In psicoterapia i lavoro è permettere alla persona di legarsi agli avvenimenti lasciando da parte il giudizio di sé e degli altri. È l'arte di accogliere le esperienze presenti senza condannarle, permettendo una consapevolezza profonda e la responsabilità delle proprie emozioni e comportamenti.

E' un processo d'amore verso noi stessi perchè vivendo nell'accettazione dei propri limiiti, dei propri bisogni, dei propri piaceri, rispettando la libertà altrui, ognuno di noi può puntare ad un benessere vero e sentito.

19/12/2023

Emozionato
Ora inizia il bello!!

📸 Guarda questo post su Facebook
https://www.facebook.com/100063755364778/posts/830819909053180/

🎓Giorno importante per i nostri allievi, adesso PSICOTERAPEUTI della Gestalt Viva!!
Un abbraccio Dottssa Cristiana Muscari Psicologa, Sara Capriotti Psicologa, Mirco Feltracco Psicologo e Pier Paolo Limiti
Grazie ai Direttori della Scuola Francesca Belforte e Claudio Billi.....ricordando i Precetti della Terapia Gestalt di Claudio Naranjo:
1. Vive ahora, es decir, preocúpate del presente más que del pasado o el futuro.
2. Vive aquí, es decir, relaciónate más con lo presente que con lo ausente.
3. Deja de imaginar: experimenta lo real.
4. Abandona los pensamientos innecesarios; más bien siente y observa.
5. Prefiere expresar antes que manipular, explicar, justificar o juzgar.
6. Entrégate al desagrado y al dolor tal como al placer; no restrinjas tu percatarte.
7. No aceptes ningún otro debería o tendría más que el tuyo propio.
8. Responsabilízate plenamente de tus acciones, sentimientos y pensamientos.
9. Acepta ser como eres.

16/12/2023

Ultimo viaggio verso Livorno
Ultimo passo per raggiungere il mio obiettivo, il mio sogno, essere Psicoterapeuta!

Sento di avere personalità multiple in questo momento per tutte le emozioni che sto vivendo
E va bene così

Viva la Gestalt, Viva!

15/12/2023

Carissimi,
vi ricordiamo
Incontro online GRATUITO per ragazz* dai 14 ai 18 anni.
Questo sabato, 16/12, dalle 15 alle 17.
Scrivete a [email protected] per ricevere il link.
A presto.

11/12/2023

Depressione
Come da manuale la depressione è un disturbo mentale caratterizzato da persistente tristezza, perdita di interesse o piacere nelle attività quotidiane e bassa autostima.

Oggi però voglio darvi una nuova visione: depressione vista come una profonda perdita di vitalità!!
Si sperimenta senso pervasivo di stanchezza, un calo significativo degli interessi e del piacere, una mancanza di energie.
La vitalità è legata al corpo, alla forza, al dinamismo. Se cadiamo in uno stato depressivo è importante osservare a che punto della nostra vita si presenta, osservare come la depressione si sviluppa, quali emozioni, quali pensieri attiva e quali comportamenti ci porta a fare.
Sempre è importante fermarsi, ma soprattutto quando sentiamo una profonda svalutazione e profondo senso di insoddisfazione per la Vita: è qui che si creano le basi per rinascere!

Infatti il trattamento della depressione coinvolge la psicoterapia, il supporto sociale e, in alcuni casi, farmaci antidepressivi. Riconoscere e affrontare questa perdita di vitalità è cruciale per avviare il processo di guarigione, aiutando la persona a riacquistare un senso di benessere e pienezza nella propria vita.

06/12/2023

We introduttivo per accedere al programma S.A.T. !!
Per conoscere il proprio carattere, se stessi e migliorare i rapporti interpersonali e intrapersonali

📸 Guarda questo post su Facebook
https://www.facebook.com/100064479468673/posts/737376198421689/

"𝑻𝒖𝒕𝒕𝒊 𝒂𝒃𝒃𝒊𝒂𝒎𝒐 𝒖𝒏𝒂 𝒎𝒊𝒔𝒔𝒊𝒐𝒏𝒆 𝒄𝒐𝒎𝒖𝒏𝒆: 𝒒𝒖𝒆𝒍𝒍𝒂 𝒅𝒊 𝒓𝒆𝒂𝒍𝒊𝒛𝒛𝒂𝒓𝒆 𝒊𝒍 𝒏𝒐𝒔𝒕𝒓𝒐 𝒑𝒐𝒕𝒆𝒏𝒛𝒊𝒂𝒍𝒆, 𝒅𝒊 𝒅𝒊𝒗𝒆𝒏𝒕𝒂𝒓𝒆 𝒄𝒊𝒐̀ 𝒄𝒉𝒆 𝒔𝒊𝒂𝒎𝒐"
𝑪𝒍𝒂𝒖𝒅𝒊𝒐 𝑵𝒂𝒓𝒂𝒏𝒋𝒐

𝗖𝗮𝗿𝗶𝘀𝘀𝗶𝗺𝗶 𝘀𝗼𝗻𝗼 𝗮𝗽𝗲𝗿𝘁𝗲 𝗹𝗲 𝗶𝘀𝗰𝗿𝗶𝘇𝗶𝗼𝗻𝗶 𝗮𝗶 𝗪𝗼𝗿𝗸𝘀𝗵𝗼𝗽 𝗶𝗻𝘁𝗿𝗼𝗱𝘂𝘁𝘁𝗶𝘃𝗶 𝗮𝗹 𝗣𝗿𝗼𝗴𝗿𝗮𝗺𝗺𝗮 𝗦𝗔𝗧 𝟮𝟬𝟮𝟰!
L'evento è propedeutico alla partecipazione del primo livello SAT del percorso ideato da Claudio Naranjo
E' possibile visionare la locandina completa e iscriversi attraverso la pagina dedicata:
🌐https://www.satclaudionaranjo.it/sat/introduttivi/
📧[email protected]

Vuoi che la tua studio sia il Clinica più quotato a Napoli?
Clicca qui per richiedere la tua inserzione sponsorizzata.

Video (vedi tutte)

I benefici del movimento spontaneo Venite a provarloSuryael Yoga School Napoli ogni giovedì alle 20.00
Lasciare andare il passato per guardare con nuova energia il futuro#psicoterapia #gestalt
Lasciare andare il passato per guardare al futuro
Lavorare sul corpo con la terapia Gestalt è un aspetto cruciale per il benessere psicologico. Questo approccio riconosce...
Lavorare sul corpo in terapia della GestaltMente e corpo sono interconnessi, quindi l'attenzione alla dimensione corpore...
#psicoterapia #gestaltterapia #psicopatologia #pensieri #sensazioni #emozioni
#psicoterapia #gestaltterapia #emozioni #energia #corpo
#psicoterapia #gestaltterapia #responsabilità #contatto #quiedora #consapevolezza

Digitare

Telefono

Sito Web

Indirizzo


P. Za Quattro Giornate, 64
Napoli
80128

Orario di apertura

Lunedì 08:30 - 22:00
Martedì 08:30 - 22:00
Mercoledì 08:30 - 22:00
Giovedì 08:30 - 22:00
Venerdì 08:30 - 22:00
Sabato 08:30 - 22:00

Altro Psicoterapeuta Napoli (vedi tutte)
Dott.ssa Aitoro Rosaria Psicologa - Psicoterapeuta Dott.ssa Aitoro Rosaria Psicologa - Psicoterapeuta
Via Cervantes 55/5
Napoli

Il primo passo non ti porta dove vuoi ma....ti toglie da dove sei!!

Dott.ssa Monfrecola Psicoterapeuta Napoli Dott.ssa Monfrecola Psicoterapeuta Napoli
Via Mario Fiore, 19 Napoli , Via Carlo Rosini, 30 Pozzuoli , Via Dello Sport, 24 Napoli
Napoli, 80121

Una pagina su cui mi piace condividere pensieri, eventi, suggerimenti che riguardano il complesso e

dott.ssa Antonella Lia, psicoterapeuta e scrittrice dott.ssa Antonella Lia, psicoterapeuta e scrittrice
Napoli

Vuoi espandere quanto c’è di buono e di bello in te? Puoi fare chiarezza sulla tua storia infanti

Arturo De Luca Arturo De Luca
Roma
Napoli

Il Prof. Arturo De Luca lavora da circa 35 anni come psicoterapeuta clinico transpersonale sia indiv

Dr. Marco Eminente - Psicoterapeuta Dr. Marco Eminente - Psicoterapeuta
Via Del Parco Margherita, 65
Napoli, 80121

Psicoterapia individuale, di coppia, di gruppo. Arteterapia e creatività. Workshop, seminari ed inc